etr250 "Arlecchino"

Origine: Italia.
Anno di esercizio: dagli anni 60 agli anni 80.
Tipo: elettrotreno rapido.
Propulsione: elettrica a corrente continua, 3000 V.
Velocità massima: 200 Km/h (in origine 180 Km/h).
Esemplari costruiti: 4.


Partenza da Milano Centrale della "Freccia del Vesuvio" composta da un ETR 220 per Roma Termini e da un ETR 250 per Napoli Mergellina (Milano, 1965, Ministero dei Trasporti, foto donata dal Prof. Claudio Pedrazzini)


ETR250 Arlecchino, Rimini (foto D. Vita, anni 90)


Logo ETR250 (foto G. Modesti)


ETR250, stazione di Legnano, macchinista D. Vita (foto D. Vita)
Il macchinista è allogato sopra il belvedere in una cabina sopraelevata ed isolata.


ETR 250 in livrea pubblicitaria, Torino Porta Nuova, 1997 (foto I. Arena, tratta dalla rivista "I Treni", dicembre 2000)


ETR250 (Roma, Tiburtina, in occasione del restauro del terno, foto D. Giuffrida, anno 2019)


(Foto D. Giuffrida, Roma Tiburtina, in occasione del restauro del treno, anno 2019)


Salotto belvedere (Roma, Tiburtina, in occasione del restauro del terno, foto D. Giuffrida, anno 2019)
Nella testata del treno si apre un salotto belvedere, chiuso da un'ampia vetrata di plexiglass. I posti non sono prenotati e vi si possono avvicendare i viaggiatori che vogliono provare l'emozionante effetto della velocità da un inconsueto punto di vista.


Dall'ETR250 degli anni 50 alla Freccia Rossa dei nostri giorni (Roma, Tiburtina, in occasione del restauro del terno, foto D. Giuffrida, anno 2019)