il viaggio inizia

La prima occasione per poter portare entrare in ferrovia si presentò nell’anno 1971, quando usci un bando di concorso per aspirante Aiuto Macchinista.


Bando di concorso.

Lasciai la Sicilia, partendo dalla stazione di Pozzallo...


Stazione di Pozzallo (foto M. Assenza).

...e arrivai a Milano, nella stazione di Lambrate.
Partecipai al concorso, superandolo. Venni quindi assunto nel deposito locomotive di Milano Smistamento e lì seguii un breve tirocinio. Successivamente fui mandato a Treviso per frequentare il corso professionale di aiuto macchinista per un periodo di 6 mesi. Terminata la scuola per aiuto macchinista chiesi il trasferimento nel deposito locomotive di Milano Centrale e lì iniziò la mia carriera.
Il gradino successivo alla mansione di aiuto macchinista era partecipare al concorso interno per diventare macchinista.

Superato l'esame a macchinista, rimasi assegnato al deposito di Milano Centrale, fino al termine della mia carriera, avvenuta nell'anno 2009. 
Dall'inizio della mia carriera lavorativa fino a metà degli anni 90, i turni per il personale di macchina comprendevano tutti i generi di servizio esistenti in ferrovia, precisamente: servizi per il trasporto merci, trasporto locale pendolari e viaggiatori. Dopo la metà degli anni 90 ci fu la separazione di questi servizi in ITR (Impianto Trasporti Regionale), ITC (Impianto Trasporti Cargo), ITP (Impianto Trasporti Passeggeri). Il personale di macchina doveva quindi scegliere l'impianto a cui voleva appartenere. La mia scelta è stata quella di far parte dell'Impianto Trasporti Passeggeri di Milano Centrale.

Il primo viaggio da macchinista, fu effettuato con la locomotiva e646-058, treno diretto da Milano Porta Garibaldi a Torino Porta Nuova, insieme all’aiuto macchinista Sivero Orazio.